//Trattato delle Leggi

Trattato delle Leggi

39.50

Le Leggi o Il Libro delle leggi del maestro platonico di Mistrà è la somma delle sue dottrine sapienziali, religiose, politiche e sociali, e costituisce la sintesi della sua opera e del suo magistero, così come dell’azione a cui si dedicò per tutta la vita.

COD: RR-6 Categoria: Tag:

Descrizione

Le Leggi o Il Libro delle leggi del maestro platonico di Mistrà è la somma delle sue dottrine sapienziali, religiose, politiche e sociali, e costituisce la sintesi della sua opera e del suo magistero, così come dell’azione a cui si dedicò per tutta la vita.

Il ruolo che Pletone rivestì per il Rinascimento greco, e specialmente per il Rinascimento italiano, fu fondamentale, egli consentì la trasmissione dei misteri platonici agli umanisti impegnati nella restituzione della civiltà romana classica, i quali poterono usufruire nuovamente di una conoscenza metafisica integrale già in parte restaurata da Petrarca, grazie alla ricezione mediata del platonismo attraverso Cicerone e Agostino. Approfondita da altri umanisti con l’apporto parziale di maestri greci giunti in Italia, la conoscenza e la trasmissione completa del platonismo in Italia fu resa possibile da Pletone, grazie al suo soggiorno a Firenze prima e in diverse parti d’Italia poi.

Il maestro di Mistrà trovò un ambiente filosofico assai condizionato dall’aristotelismo, perciò volle riportare l’equilibrio, il retto rapporto che deve sussistere fra il maestro Platone e il suo discepolo Aristotele. Ma l’opera di Pletone va oltre la trasmissione dei misteri platonici e si colloca nel contesto universale della catena della Sapienza Divina Eterna, della quale egli fu principale esponente in terra ellenica, oltreché fondamentale presenza anche in terra italiana. Con l’azione di Pletone, il Rinascimento italiano viene compiutamente ricollegato alla catena aurea della sapienza originale dell’umanità e alla religione primordiale da essa procedente.

Le Edizioni Victrix danno pubblicazione della traduzione dell’opera originale di C. Alexandre del 1858, senza aggiungere apparati critici e storici, e attenendosi il più possibile all’originale, seguendo anche la traduzione del testo greco delle Leggi, che Alexandre fece compiere ad un giovane professore di logica del suo tempo, A. Pellisier, che glielo chiese espressamente e a cui diede seguito. La nostra opera editoriale, oltre a tutta la revisione delle parti originali, per la parte redazionale, aggiunge anche la traduzione dal greco rinascimentale delle appendici raccolte da Alexandre, mai comparse in traduzione italiana fino ad oggi. Con questo apporto rendiamo pienamente fruibile, anche ad un pubblico non necessariamente esperto di greco e della materia filosofica, l’accesso alla grande opera del maestro ellenico.

Informazioni aggiuntive

Collana

Sapientia

Autore

G.G. Pletone

Anno di edizione

2012

Rilegatura

Brossura

N. di pagine

528

Formato

17×24

Editore

Victrix Edizioni

Sommario

Presentazione
Nota editoriale
Saggio introduttivo di L.M.A. Viola
Prefazione di C. Alexandre
Trattato delle Leggi di Giorgio Gemisto Pletone
Riassunto delle dottrine di Zoroastro e di Platone
Appendici

testo greco a fronte
appendici tradotte in italiano

Leggi Anteprima