/, OBLIVIUM/Nietzsche. Il grande nemico della tradizione

Nietzsche. Il grande nemico della tradizione

30.00

di Vincenzo Nuzzo

Con Nietzsche si pone un problema filosofico-metafisico di tipo storico molto simile a quello che si pone anche con Heidegger. Il suo pensiero è stato infatti salutato dai filosofi come un vertiginoso incremento del valore della filosofia quale disciplina anti-tradizionale ed anti-religiosa. E tale incremento di valore viene visto nel deciso superamento di ogni idealismo in direzione di un realismo così strenuo da essere ormai totalmente anti-etico. In questo senso Nietzsche viene considerato il momento di maggiore «progresso» del pensiero occidentale. Nell’ottica tradizionale si tratta invece dell’esatto opposto; dato che il pensatore tedesco segna un culmine solo nel senso del regresso degenerativo dell’intera Cultura.

 

 

Descrizione

di Vincenzo Nuzzo

Con Nietzsche si pone un problema filosofico-metafisico di tipo storico molto simile a quello che si pone anche con Heidegger. Il suo pensiero è stato infatti salutato dai filosofi come un vertiginoso incremento del valore della filosofia quale disciplina anti-tradizionale ed anti-religiosa. E tale incremento di valore viene visto nel deciso superamento di ogni idealismo in direzione di un realismo così strenuo da essere ormai totalmente anti-etico. In questo senso Nietzsche viene considerato il momento di maggiore «progresso» del pensiero occidentale. Nell’ottica tradizionale si tratta invece dell’esatto opposto; dato che il pensatore tedesco segna un culmine solo nel senso del regresso degenerativo dell’intera Cultura. Ciò nel senso specifico del trionfo della Distruzione di tutto ciò che è Civiltà, e con il conseguente ritorno completo alla Natura. Nietzsche è quindi senz’altro l’interprete più fedele dello Spirito del Tempo moderno nella sua accezione più radicalmente negativa, ovvero distruttiva. Ed è esattamente per questo che egli si pose alla radice di un vastissimo movimento filosofico con l’ambizione di riformare l’onto-metafisica nel senso del definitivo e totale annientamento (al centro del quale poi si pose Heidegger). Ma i frutti malefici della sua opera si videro ancora più avanti, ossia nel Dopoguerra ed ancor più proprio oggi. Essi maturarono infatti in un movimento di idee ispirato alla totale «de-costruzione», e che oggi vede la più estrema filosofia moderna alla testa di una riforma distruttiva dell’intera Cultura, ed inoltre di tutta la prassi tecnica che su di essa si basa.

Il libro affronta tutti questi aspetti e sviluppi, tracciando così un ampio disegno in cui il pensiero di Nietzsche viene costantemente confrontato con vasti campi della cultura nelle sue forme letterarie, filosofiche e metafisico-religiose. Ma il suo principale scopo è quello di pervenire finalmente a quel giudizio radicale di condanna di questo pensatore che nei fatti non è mai stato davvero pronunciato.

Informazioni aggiuntive

Collana

Oblivium

Autore

Vincenzo Nuzzo

Anno di edizione

2016

Rilegatura

Cucito Brossura con alette

N. di pagine

392

Formato

17×24

Editore

Victrix Edizioni

Sommario

Nietzsche, il grande nemico della Tradizione 

Introduzione 

1. Introduzione al Nietzsche «filosofico»
2. Introduzione al Nietzsche «poetico» (o anche «letterario»)
2.1 L’intersecarsi della dimensione poetica con quella filosofica
2.2 L’intersecarsi della dimensione poetica con quella mitico-religiosa (metafisica del sublime) 

PARTE PRIMA

Cos’ha oggettivamente detto e scritto Nietzsche
I-I L’esame di alcuni testi di Nietzsche
I-I.1 Al di là del bene e del male
I-I.2 La volontà di potenza
I-I.3 Commento finale alle due opere
I-II Nietzsche e la restante filosofia metafisica: indizi per il primo abbozzo di un giudizio critico
I-II.1 Il neoplatonismo (greco-romano e cristiano) e l’onto-dinamismo
I-II.2 La moderna metafisica filosofica ed il pensiero di Nietzsche 

PARTE SECONDA

I testi di Nietzsche attraverso le sue letture ed attraverso altri testi poetici, filosofici e metafisici
II-I. Il Nietzsche filosofico-poetico
II-I.1 La poesia del dolore e della distruzione
II-I.2 Dolore, malattia e riflessione sul Nulla Nulla, Essere e Conoscenza
II-I.3 La sacra malattia, la vocazione al martirio e l’esperienza del Nulla
II-I.4 Nietzsche, un “mandato”? – è questo davvero un “compimento”?
II-I.5 Il Nulla come Essere e Natura – la possibile divinità del mondo
II-I.6 La divinità del mondo e la Volontà di Potenza
II-II. Il Nietzsche filosofico – indagato attraverso la metafisica filosofica (Plotino ed alcuni testi nietzschiani)
II-II.1 Il Nietzsche filosofico attraverso Plotino
II-II.1.1 L’Uno ed il Vitale: la pre-materia e l’anima
II-II.1.2 Il potere passivo o l’azione passiva – l’essere sé stessi, o «azione interna»
II-II.1.3 L’elevazione, la Signoria e il «basso»
II-II.1.4 Dottrina dell’anima, pienezza di vita e finale Superuomo
II-II.1.5 Conclusioni sul Nietzsche letto attraverso Plotino
II-II.2 Il Nietzsche filosofico nei suoi stessi testi
II-II.2.1 La marcia nel fango, la terra che è cielo e lo status di giusto
II-II.2.2 Ecce Homo
II-II.2.3 Così parlò Zarathustra: ovvero, la vitalità, o Religione della Vita
II-II.3.4 La Terra e la Salvezza: la Pelle-Verità – Rivelazione cristiana
II-II.2.5 Lo spirito ed il «superamento» eroico – creare «oltre» il corpo che «c’è già»
II-II.2.6 Il grande Meriggio, l’ora del Sole e del Frutto maturo – l’ombra lunga della Casa del Padre
II-III. Il Nietzsche del mito: – Dionysos ed il Superuomo
II-III.1 Il Nietzsche di Dioniso
II-III.1.1 La Fine o diventare ciò che si è – essere come Necessità voluta
II-III.1.2 Il Dono del magico Anello del Tutto incatenato («continuità»), ovvero la sconfitta del Tempo
II-III.2 Il Nietzsche del Superuomo – le promesse e premesse dell’Uomo abietto
II-III.2.1 La bassezza e il Cielo
II-III.2.2 La sublime ironia del danzatore – la Grande Risata
II-III.2.3 Il sublime deicidio filosofico in nome della verità – il grande “si” opposto al “grande rifiuto
II-III.2.4 L’ascesa che è discesa e la discesa che è ascesa
II-III.2.5 La Porta, l’Eterno Ritorno e l’Eterno Presente
II-IV Il Nietzsche filosofico-politico e filosofico-morale
II-IV.1 Il Nietzsche della morale
II-IV.1.1 Il Serpente ed il nemico
II-IV.1.2 Morale e creazione: la novità ed il Meriggio meridionale della danza
II-IV.1.3 Il vino ed il di-vino – il Vino e l’esito finale della creazione
II-IV.2 Il Nietzsche del dolore, del distacco e del sacrificio
II-IV.2.1 La condanna della moltitudine – superamento di compassione e male
II-IV.2.2 Essere anima – morte e Vita
II-IV.2.3 La sacra inimicizia ed il superamento di sé stessi – la “volontà di potenza” come ascesa
II-IV.2.4 Al di là del bene e del male – lo Śiva danzante, il creatore della “nuova morale
II-IV.3 Il Nietzsche dell’amore e della severità
II-IV.3.1 L’amore e la volontà di potenza – prossimo, amico-nemico e donna
II-IV.3.2 La severità e lo spirito della leggerezza, o elevazione – il Gesù dell’amore
II-IV.3.3 La via del superuomo o perfezione della creatività
II-IV.4 Il Nietzsche dell’identità e superamento
II-IV.4.1 Superamento e superuomo: futuro ed eternità
II-IV.4.2 Il compimento escatologico dell’ontologia: Anello e Ciclo
II-IV.4.3 La Morte e il Nulla
II-IV.4.4 Il sangue della vittima è versato, tutto è maturo, tutto è compiuto… –  la solo presunta morte di Dio
II-V Conclusioni sull’intero Nietzsche testuale 

PARTE TERZA

Il nietzschianesimo
III-I Il Nietzsche del nichilismo titanico-demonico
III-I.1 I semi- e pseudo-nietzschianesimi
III-I.1.1 Una miscellanea di tendenziali moderni nietzschianesimi titanici
III-I.1.2 L’identificazione del titano – le tre grandi forze filosofico-politiche moderne
III-I.1.3 Lo pseudo-nietzschianesimo di Mishima, Pessoa e Leopardi – il nietzschianesimo spurio
III-I.1.3.1 Mishima ed il nietzschianesimo conservatore dell’eroica “devianza
III-I.1.3.2 Il pessimismo neo-pagano e stoico di Fernando Pessoa
III-I.1.3.3 Il meno nietzschiano degli pseudo-nietzschiani, Giacomo Leopardi
III-I.2 I nietzschianesimi nichilisti e titanico-demonici veri e propri
III-I.2.1 Il cammino dell’eroe verso la divino-umanità regale – Evola
III-I.2.2 Canetti, la critica radicale al potere e la massa come mostro
III-II Un bilancio analitico circa il nietzschianesimo nichilista e titanico-demonico – il bene ed il male
I
II-II.1 Un possibile elogio del conservatorismo eroico-titanico neo-pagano
III-II.2 Il nietzschianesimo nichilista e titanico-demonico nella sua dimensione poetico-letteraria
III-II.2.1 Il titano come Faust – un caso specifico di nietzschianesimo poetico-letterario
III-II.2.2 Il titanismo dell’artista moderno – il momento del passaggio
III-II.2.3 Sullo sfondo del titanismo nichilista – il partigiano è un titano?
III-III Conclusioni circa il nietzschianesimo 

PARTE QUARTA

La critica a Nietzsche
IV-I La critica filosofica al pensiero di Nietzsche
IV-I. A La «fedele» critica a Nietzsche
IV-I.A.1 Leo Strauss
IV-I.B. Il nietzschianesimo filosofico e l’«infedele» critica a Nietzsche
IV-I.B.1 I critici (o interpreti) nella veste di effettivi esponenti del nietzschianesimo
IV-I.B.1.1 Stirner
IV-I.B.1.2 Heidegger
IV-I.B. 1.3 Cioran
IV-I.B.1.4 Bataille
IV-I.B.1.5 Deleuze
IV-I.B.2. Gli esponenti solo «spuri» del nietzschianesimo
IV-I.B.2.1 Lo strano caso Camus
IV-I.B.2.2 Lo strano caso Schmitt
IV-II La critica non-filosofica e «tradizionale» al pensiero di Nietzsche
IV-II.1 Una descrizione di possibili strumenti di indagine
1.1 Capitoli di autori tradizionali
1.1.1 René Guénon
1.1.2 Julius Evola
1.1.3 Frithjof Schuon
1.2 Studi su autori tradizionali in correlazione con Nietzsche.
1.3 Moderne opere letterarie di ispirazione nietzschiana
1.4 Moderne ipotesi interpretative di tipo filosofico su autori tradizionali
1.4.1 Le panoramiche tradizionali e Nietzsche
1.5 Moderne critiche filosofiche a Nietzsche
IV-II.2 I tratti generali degli studi menzionati.
2.1 Il presunto «tradizionalismo» nietzschiano.
2.2 Un presunto illegale «tradizionalismo» nietzschiano
IV-II.3 Conclusioni sulla critica «tradizionalista» a Nietzsche
Conclusioni 

Leggi Anteprima