//La Storia del Pitagorismo nel mondo romano

La Storia del Pitagorismo nel mondo romano

35.00

La Storia del Pitagorismo nel mondo romano di Leonardo Ferrero (1915-1965) vide la luce nel 1955 grazie al contributo della Fondazione Parini-Chirio e della Facoltà di Lettere dell’Università di Torino e rappresenta ancora oggi uno dei contributi più alti alla Storia della Filosofia Romana.

Descrizione

La Storia del Pitagorismo nel mondo romano di Leonardo Ferrero (1915-1965) vide la luce nel 1955 grazie al contributo della Fondazione Parini-Chirio e della Facoltà di Lettere dell’Università di Torino e rappresenta ancora oggi uno dei contributi più alti alla Storia della Filosofia Romana.

Animato da uno spirito che potrebbe senza dubbio definirsi per mezzo del sentimento dell’importanza maggiore, nella storia delle idee dell’Antichità, di coloro che Aristotele chiamava “i filosofi italiani”, di coloro che hanno fatto fiorire sulla terra d’Italia uno dei rami più vigorosi del pensiero filosofico occidentale. Ricco di elementi ed agile nella prosa, il libro è uno dei più importanti, se non l’unico, contributo che rende ragione della relazione tra filosofia romana e  pitagorica, rinvenendo l’importanza del pensiero speculativo alla base della cultura romana classica.

Su questa base l’a. arriva a sostenere l’idea nuova ed originale dell’ideale che l’organizzazione pitagorica ha, in ogni tempo, proposto alla classe dirigente romana che l’accolto e realizzato, non dimenticando che il fine della filosofia pitagorica è la formazione del politico.

Il piano dell’opera è semplice e chiaro. Due parti e cinque capitoli solamente permettonodi abbracciare una storia che si estende sui secoli storici della Roma prima dell’era cristiana, arricchite da un’ampia consultazione delle fonti e da un indice analitico che ne facilita la consultazione.

L’autore

Leonardo Ferrero allievo del filologo concittadino Rostagni, nel 1937 si laurea all’Università di Torino ed inizia subito l’insegnamento.
Docente all’Istituto Universitario di Magistero dell’Aquila e, poi, Ordinario di Letteratura Latina presso l’Università di Trieste di cui è eletto Preside. L’anno successivo è nominato socio corrispondente dell’Accademia delle Scienze di Torino. Leonardo Ferrero muore a Trieste il 31 dicembre 1965.

Informazioni aggiuntive

Collana

Sapientia

Autore

Ferrero, L.

Anno di edizione

2008

Rilegatura

Brossura

N. di pagine

424

Formato

17×24

Editore

Victrix Edizioni

Sommario

Leggi Anteprima