/, OBLIVIUM/Heidegger. Il moderno pensiero della Distruzione

Heidegger. Il moderno pensiero della Distruzione

29.00

di Vincenzo Nuzzo

Heidegger è oggi un filosofo glorificato quale pietra miliare dell’intero pensiero umano, per il fatto di aver ricostruito la “storia dell’essere” riportando così l’intero Occidente alle sue vere origini.

È stato così che colui che era stato esecrato come l’ideologo del nazismo, divenne poi il guru ed idolo del più oltranzista e disinibito pensiero accademico anti-religioso, ultra-progressista, iconoclastico, riduzionista ed immanentista. Da quel momento in poi l’heideggerismo ha invaso tutti i campi della cultura, giungendo perfino ad espugnare vasti settori della più ardita teologia, e fungendo quindi da vero nucleo di un Progressismo che intanto aveva assunto il definitivo volto di una travolgente Forza di Distruzione e Disintegrazione. Ciò è avvenuto a causa del progetto heideggeriano di mettere l’ente al posto dell’Essere, identificando poi quest’ultimo con il Nulla stesso. In lui viene dunque a compimento la lotta nietzschiana contro tutto ciò che prima era stato struttura metafisicamente fondata.

Descrizione

di Vincenzo Nuzzo

Heidegger è oggi un filosofo glorificato quale pietra miliare dell’intero pensiero umano, per il fatto di aver ricostruito la “storia dell’essere” riportando così l’intero Occidente alle sue vere origini.

È stato così che colui che era stato esecrato come l’ideologo del nazismo, divenne poi il guru ed idolo del più oltranzista e disinibito pensiero accademico anti-religioso, ultra-progressista, iconoclastico, riduzionista ed immanentista. Da quel momento in poi l’heideggerismo ha invaso tutti i campi della cultura, giungendo perfino ad espugnare vasti settori della più ardita teologia, e fungendo quindi da vero nucleo di un Progressismo che intanto aveva assunto il definitivo volto di una travolgente Forza di Distruzione e Disintegrazione. Ciò è avvenuto a causa del progetto heideggeriano di mettere l’ente al posto dell’Essere, identificando poi quest’ultimo con il Nulla stesso. In lui viene dunque a compimento la lotta nietzschiana contro tutto ciò che prima era stato struttura metafisicamente fondata (in nome di “platonismo”, “ideale”, “valori” e “sovramondo”). Contro, insomma, il Trascendente e la Tradizione. Era il compimento della ribellione del finito e relativo contro l’Infinito ed Assoluto. Dunque, l’ultimo suggello, sofisticatamente filosofico, alla moderna ideologia della Distruzione.

Questo libro obbedisce dunque alla necessità di un netto e severo giudizio di condanna contro tutto questo. Ma ciò per mezzo di un’argomentazione filosofico-metafisica ben fondata riflessivamente e testualmente (nei testi heideggeriani ed in quelli di diversi pensatori antichi e moderni). Non si tratta quindi di un pamphlet ideologico, ma invece di una vera e propria indagine il cui scopo collaterale è poi anche quello di porre in profonda discussione il modello moderno di pensiero.

In ogni caso, il libro intende affermare a chiare lettere (ed in assoluta contro-tendenza) che, se Heidegger è stato “un gigante” del pensiero, lo è stato di certo in modo solo unilateralmente negativo.

Informazioni aggiuntive

Collana

Oblivium

Autore

Vincenzo Nuzzo

Anno di edizione

2015

Rilegatura

Brossura

N. di pagine

368

ISBN

978-88-88646-79-4

Formato

17×24

Editore

Victrix Edizioni

Sommario

Sommario

Prima parte
Heidegger nel moderno scenario filosofico

I-I. Introduzione critica
I-I.1. L’astrusità iconoclasta del discorso heideggeriano
I-I.2. L’heideggerismo di maniera, ovvero una filosofia accademica presuntivamente “resistente
I-II. Introduzione tematica ‒ Heidegger e la moderna filosofia religiosa
I-II.1. Lo scenario storico-filosofico di un esistenzialismo metafisico-religioso
I-II.1 A. Il pensiero dello Sciacca entro lo scenario storico-filosofico del tempo
I-II.1 B. Il pensiero dello Sciacca ‒ una moderna filosofia dell’esistente

Seconda parte
L’inquadramento filosofico di Heidegger

II-I. Il pensiero di Heidegger
II-I.1. Discussione generale delle premesse generali del pensiero heideggeriano
II-I.1.1 La nascenza dell’essere ed essere come ente
II-I.1.2 Essere statico ed essere dinamico ‒ il problema del Fondamento
II-I.1.3 La stabilità dell’essere e l’astrusità del pensiero protagonista di Heidegger
II-I.1.4 Il “grido di dolore” del finito come soggetto ‒ l’esistenzialismo filosofico
II-I.1.5 Il rapporto finito / Infinito ed il rapporto statico / dinamico
II-II. Discussione dei testi heideggeriani
II-II.1 Sein und Zeit ed il primo Heidegger
II-II.2 L’Heidegger intermedio e l’ultimo Heidegger
II-II.2.1 L’ultimo Heidegger
II-II.2.2 L’Heidegger intermedio ed il tema specifico del finito davanti all’Infinito
II-III. L’alternativa filosofico-religiosa ad Heidegger – Il “finito” e l’ “Infinito” secondo Edith Stein
II-III.1 L’esposizione filosofico-religiosa (Stein) della dottrina heideggeriana
II-III.2 La definitiva presa di posizione filosofico-religiosa (Stein) contro la dottrina heideggeriana
II-III.3 Un giudizio intermedio sul pensiero heideggeriano alla luce della critica steiniana ‒ Heidegger e Kant, l’Essere ed il Nulla

Terza Parte
Il pensiero di Heidegger alla luce della pura filosofia, della filosofia religiosa, della teologia e della metafisica integrale

III-I. I tratti generali della filosofia ed onto-metafisica di Heidegger
III-I.1 L’astrusità del neo-linguaggio onto-metafisico
III-I.2 L’intendimento di “filosofia
III-I.3 L’intendimento di “metafisica
III-I.4 Quale “Platone
III-II. Ri-discussione dei concetti specifici dell’ontologia heideggeriana
III-II.1 L’ipseità e lo psichismo elementare
III-II.2 Quanto conta il punto di vista dell’ “uomo comune”?
III-II.3 Gli altri Dasein e la critica al Dasein
III-II.4 Soggetto, soggettuale e soggettivo ‒ la moderna “posizione soggettiva
III-II.5 Oggetto, oggettivo e oggettuale ‒ il “mondo fuori di noi”, il corpo, la cosa, e la verità come sveltezza
III-II.6 Emergenza dell’essere, scopertezza, svelatezza ed apertura
III-II.7 Dinamismo e Forza
III-II.8 Ereignis e Temporalità
III-II.9 Possibilità e Vita
III-III. L’Essere ed il Nulla
III-III.1 L’Essere e l’ente, l’esistenza e l’essenza, il Nulla ed il Bene
III-IV. Una miscellanea di elementi critici di filosofia religiosa in rapporto ai concetti heideggeriani
III-IV.1 Dio, il Cristianesimo ed il fatticismo religioso
III-IV.2 La morale e la dimensione “erotico-morale

Conclusioni

Appendici
Appendice 1 • Le regole della moderna Accademia filosofica
Appendice 2 • Un Heidegger faustiano

Leggi Anteprima